Banner Eurodisplay

OSSERVATORIO CARTASI
Commercio elettronico farà da traino per l’economia

Secondo le stime dell’Osservatorio Acquisti CartaSi il commercio elettronico contribuirà all’incremento delle vendite previsti nei prossimi anni. Dopo un 2013 contraddistinto da comportamenti d’acquisto timidi (+0,8%, un dato, considerando il calo dell’inflazione, in linea col 2012), nel corso del 2014 si assisterà ad una graduale uscita dalla crisi, con ritmi di crescita più decisi nel 2015: determinante, in tal senso, l’e-commerce che non rappresenta più solo un elemento collaterale alle vendite off-line, ma che ne costituisce un’integrazione strutturale. Alla fine di quest’anno, infatti, la spesa aumenterà complessivamente dell’1,7% proprio grazie al commercio elettronico (che crescerà del 21%), senza il quale l’andamento sul 2013 sarebbe negativo (-1,6%); nel 2015, invece, la crescita sarà del 3,2% grazie al +20,7% dell’e-commerce (senza il quale si registrerebbe -0,6%).

Da notare come la crescita dei volumi e-commerce verso siti esteri è stata doppia rispetto a quella verso siti italiani: +27,5% contro +13,2%. Secondo L’osservatorio Acquisti Cartasì ciò significa che i retailer italiani stanno perdendo importanti opportunità di business. Per effetto di questa “emigrazione” degli acquisti il fatturato complessivo verso l’estero è salito del 9,9%, quello delle operazioni interne è sceso dello 0,7%.

Nel complesso, fra il 2014 e il 2015, cresceranno le spese in informatica e beni digitali (+6,1% nel 2014 e +7,7% nel 2015), in servizi consumer (+6% nel 2014 e +6,9% nel 2015), in viaggi e trasporti (+6,9% nel 2014 e +8% nel 2015), telecomunicazioni (+1,2% nel 2014 e +2,3 nel 2015) e il dettaglio non alimentare (+6,1% nel 2014 e +7,7% nel 2015). Continuerà la contrazione di spese in abbigliamento e calzature (-4,9% nel 2014 e -3,1% nel 2015) e i beni per la casa (- 5,7% nel 2014 e -3,9% nel 2015). Stabili alberghi e ristoranti (-0,3% e -0,4%).

 

Comments are closed.