NewsBenetton con le Nazioni Unitea sostegno delle donne

Redazione28/10/2016
https://www.promotionmagazine.it/wp/wp-content/uploads/2016/10/WomenEmpowermentProgram_orizzontale-4-1024x910.jpg

womenempowermentprogram_orizzontaleNel contesto del suo Women Empowerment Program, Benetton lancia due progetti finalizzati a garantire mezzi di sostentamento adeguati alle donne che lavorano da casa o nel settore del RMG (Ready Made Garments) in Bangladesh e Pakistan. Presentato lo scorso ottobre 2015, il WE Program è il focus attuale della strategia di sostenibilità di Benetton Group. Basato sugli obiettivi di sviluppo sostenibile stabiliti dalle Nazioni Unite per il 2020, il programma sarà implementato attraverso cinque priorità per raggiungere la parità di genere e l’empowerment femminile: mezzi adeguati per una vita dignitosa, non discriminazione e pari opportunità, accesso a un’istruzione di qualità e all’assistenza sanitaria, fine di ogni forma di violenza contro le donne nel mondo. Un passo fondamentale per rafforzare le donne di tutto il mondo è garantire loro la possibilità di realizzarsi attraverso un lavoro dignitoso in luoghi sicuri e pagato adeguatamente e offrire loro supporto in modo che possano raggiungere sostenibilità sociale ed economica per sé e per la propria famiglia. Tenendo presente quest’obiettivo, Benetton Group ha lanciato il Progetto Sustainable Livelihood nel contesto del WE Program.

In Bangladesh saranno sostenute dalle 5000 alle 6000 donne con corsi di formazione per aumentare il loro patrimonio professionale, attivando prestiti, assicurazioni e libretti di risparmio presso le banche locali, avviando un dialogo con i loro datori di lavoro per aumentare la sicurezza delle lavoratrici nelle fabbriche e nei luoghi circostanti. In Pakistan, verranno aiutate circa 1500 donne residenti nel distretto industriale di Sialkot, con preferenza per le disoccupate, quelle che lavorano a casa o nei campi e le appartenenti a minoranze etniche e religiose. Saranno assistite per ottenere documenti d’identità, necessari per votare, aprire un conto corrente e accedere a corsi di formazione, illustrando a loro e alle loro famiglie quali sono i diritti delle donne e delle lavoratrici, ribadendo la necessità che siano coinvolte nei processi decisionali, a tutti i livelli, favorendo la loro assunzione con contratti regolari e lavorando insieme alle fabbriche locali del tessile per rendere gli ambienti di lavoro più inclusivi.

Redazione