Banner Eurodisplay

Calano le pr tradizionali
ma crescono le digitali

PrDopo tre anni di crescita, anche il mercato delle relazioni pubbliche segna un dato negativo, anche se molto contenuto rispetto al crollo di editoria e comunicazione pubblicitaria. È quanto emerge dall’analisi di Assorel, l’associazione delle agenzie di relazioni pubbliche a servizio completo, elaborata in base alle risposte date dai propri soci con l’obiettivo di monitorare le principali tendenze del comparto.

La diminuzione del fatturato sviluppato dalle agenzie associate nel 2012 verso l’anno precedente, pari all’1%, è stata accompagnata da una parallela contrazione del numero degli addetti operanti nelle imprese socie Assorel che si attestano ora a 892 unità (contro i 900 del 2011). In funzione del fatturato derivato dai soli onorari professionali, Assorel stima in 139,6 milioni di euro il mercato sviluppato dalle associate nel 2012, con una previsione per il 2013 di sostanziale stabilità. Metà dei soci – il 49% – prevede infatti che non ci saranno significative variazioni per l’anno in corso, mentre un terzo – il 31% – considera il 2013 più difficile con un decremento intorno al 5%. Da sottolineare peraltro un nucleo di associati – il 20% – che ha una visione più rosea del prossimo futuro e ipotizza un settore in crescita tra il 5 e il 10%. Sicuramente a dare respiro al comparto l’evoluzione del segmento “digital pr e social media”, la cui importanza passa negli ultimi tre anni dal 3% a oltre il 10% (con particolare concentrazione sui canali social e blogger).

Comments are closed.