NewsItaliani tra i meno propensi a sfruttare le occasioni di risparmio

Redazione27/07/2021
https://www.promotionmagazine.it/wp/wp-content/uploads/2021/07/Schermata-2021-07-23-alle-10.50.19.png

Quando si tratta di fare shopping intelligente e stare attenti al risparmio, gli italiani non sono tra i consumatori più abituati o esperti: l’Italia infatti si colloca al 17° posto per  abitudine al risparmio nella graduatoria realizzata da BravoSconto, piattaforma di codici sconto e voucher, che ha messo a confronto i dati ufficiali diffusi dall’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (Ocse) in 25 paesi con quelli di Numbeo (database globale sui consumi) e del Dipartimento per l’Agricoltura degli Stati Uniti.

Tra gli elementi considerati per stilare il punteggio di ciascun paese la ricerca ha tenuto conto di vari elementi, tra cui la spesa complessiva rispetto al costo della vita, i risparmi e i debiti (mutui e prestiti) delle famiglie. In base all’indicatore ottenuto, lo “smart shopper index“, risulta che gli acquirenti più esigenti sono i francesi (421 punti), seguiti da irlandesi (312) e tedeschi (288); gli italiani invece si posizionano al diciassettesimo posto assoluto (-150) e solo il 68% di essi (contro il 93% dei francesi) dichiara di fare attenzione a risparmiare.

Inoltre, nessun marchio di food & drink è nella top 5 dei più cercati in rete dai nostri connazionali per offerte e sconti, dove invece trovano posto i colossi dell’ecommerce come Amazon o eBay, così come i grandi player della moda Zalando e Shein.

In termini di volume di ricerche su Google, sono invece stati analizzati 7 paesi (Usa, Uk, Germania, Francia, Italia e Polonia), e l’Italia è all’ultimo posto con poco più di 5 milioni di ricerche mensili su sconti e offerte. Rispetto ai vicini francesi e britannici, il numero complessivo di ricerche online degli italiani è stato 5 volte inferiore. Ma il nostro paese spicca per il numero di ricerche legate alla moda ma soprattutto sul lifestyle, prima categoria in assoluto.

La ricerca completa è consultabile a questo link.

Redazione