Banner Eurodisplay

Gran parte dei mobile gamer accetta i video advertising

Una ricerca di Adcolony evidenzia anche che la passione degli italiani per i giochi da mobile non ha età o sesso

La ricerca Global Web Index 2017 ci aveva detto che il mezzo più utilizzato dagli italiani per giocare online è lo smartphone (89%), seguito dal computer fisso (85%) e dal tablet (40%). Adesso sappiamo anche quali sono i comportamenti dei mobile gamer, grazie a “On device mobile gaming research”, un’analisi internazionale sul mobile gaming condotta lo scorso giugno da Adcolony, piattaforma statunitense di mobile advertising (distribuita in esclusiva in Italia da Moving Up), in collaborazione con la società di ricerche di mercato On Device Research.

La prima evidenza è che la passione per i videogiochi da mobile unisce gli italiani indipendentemente dall’età o dal sesso: la quota di mobile gamer risulta essere, per quanto riguarda l’età, del 68,85% per la fascia 25-34, del 68,42% per gli over 45, del 67,88% per la fascia 35-44 e del 64,64% per quella 18-24, mentre relativamente al genere sono appassionati giocatori da mobile il 69,80% degli uomini e il 63,51% delle donne. Seconda evidenza è che i mobile gamer sono generalmente disponibili a fruire di contenuti e messaggi pubblicitari veicolati dai brand all’interno dell’ambiente di gioco: per guadagnare vite extra e aumentare la durata del mobile game gratuitamente, infatti, l’81% dei giocatori intervistati si dichiara favorevole e propenso a guardare video pubblicitari di brand inserzionisti, contro un 19% che è disposto ad allungare il gioco a pagamento. Tra coloro che guardano i video di contenuti pubblicitari presenti nelle piattaforme di gioco, il 29% è in grado di ricordarne il contenuto, il 53% lo ricorda solo qualche volta e il 18% non lo ricorda affatto. La maggior parte dei gamer (60%), sia uomini sia donne, gioca tutti i giorni e lo fa in media dai 20 ai 40 minuti. Il momento della giornata preferito per giocare è il tardo pomeriggio/ sera (52%), nella fascia oraria dalle 5 alle 8, seguito dalla tarda serata (44%) e dal “daytime” (35%), la fascia oraria che va dalle 9 del mattino alle 5 del pomeriggio. Gli intervistati dichiarano di giocare da mobile prevalentemente per divertirsi (59%), rilassarsi (46%), socializzare interagendo online con altri utenti (19%); la vincita di premi (avanzamenti nel gioco o denaro) costituisce un obiettivo solo per il 12%. Il 65% del campione intervistato, infine, dichiara di ritenere l’ambiente di gioco non a rischio dal punto di vista dei contenuti e della cybersicurezza, mentre il 35% dubita che possa essere del tutto esente da attacchi informatici e virus.

Comments are closed.