NewsAdvice Group acquisisce Leevia per ottimizzare la gestione dei contest online

Redazione10/06/2021
https://www.promotionmagazine.it/wp/wp-content/uploads/2021/06/Schermata-2021-06-09-alle-10.41.43.png

Advice Group, l’agenzia di marketing digitale specializzata nel behavioral loyalty marketing, ha finalizzato in questi giorni il processo di acquisizione di Leevia, la cui piattaforma consente di creare, gestire e monitorare contest online con l’obiettivo di coinvolgere community, generare lead e creare brand awareness sui principali social network.

L’unione di queste due realtà offrirà ai brand di tutti i settori, una gamma completa di soluzioni tecnologiche e strategiche per l’acquisizione, fidelizzazione e valorizzazione dei propri clienti, con l’obiettivo di migliorare il net promoter score (Nps) e razionalizzare le informazioni della propria customer base, in ottica gdpr compliance.

Una nuova spinta imprenditoriale che consentirà, inoltre, di accelerare il go to market non solo nei mercati esteri dove già Advice opera, ma anche nei paesi in cui sono presenti i marchi italiani clienti delle due società, grazie alla scalabilità della piattaforma, oggi attivabile in 9 lingue.

Fulvio Furbatto, fondatore e ceo di Advice Group

“L’acquisizione di Leevia – ha commentato Fulvio Furbatto, fondatore e ceo di Advice Group – rientra in un piano strategico che ci porterà in 3 anni a essere l’unico player della martech economy di capitale 100% italiano, in grado di offrire un servizio di engagement e loyalty completamente gestito su piattaforme proprietarie e pronto a competere in mercati internazionali, come hanno dimostrato i recenti premi di Londra e New York. Ora abbiamo a disposizione un’ulteriore componente che ci permetterà di offrire ai clienti soluzioni innovative di follower convertion, in grado di convertire gli utenti in ambienti proprietari e protetti in cui le aziende possano valorizzarne la relazione. Con il tramonto dei cookie di terze parti diventerà, infatti, fondamentale avere una strategia basata sullo stimolo personalizzato e sul riconoscimento trasparente dell’utente. Una sfida che ci vede oggi più pronti e che ci vedrà domani certamente protagonisti”.

Redazione