Non sono molto frequenti, superati di gran lunga dai concorsi basati solo sulla fortuna, ma i contest d’abilità potrebbero tornare in auge. A cambiarne le sorti sarà il digital printing. Come funziona? La stampa digitale ha fatto molti progressi, aumentando la velocità di impiego su qualunque superficie e abbassando i costi. Ne discende la possibilità di imprimere sulle confezioni di prodotto migliaia di varianti di un messaggio, ma anche immagini differenti. Si può intervenire sia...

Una campagna promozionale persegue tre macro tipologie di obiettivi: vendite, comunicazione, relazione. Quando si pianificano i sistemi di misurazione per promozioni e loyalty, si dovrebbero prendere in considerazione tutti e tre gli obiettivi, analizzando sia i dati che si vanno sedimentando (per esempio relativi al cross selling, all’upselling, crm ecc.) sia progettando ricerche per conoscere meglio la voce del cliente. Purtroppo dai soli dati di vendita potremmo vedere che frequency e recency declinano, o improvvisamente...

Gli schemi promozionali perseguono tre macro tipologie di obiettivi (vendite, comunicazione, relazione) fra loro interconnessi al punto che, se le vendite non crescono, potrebbe invece aumentare la notorietà, veicolata dagli efficaci messaggi della campagna promozionale. Parimenti potrebbe esserci un picco di vendite, di cui il consumatore valuta la convenienza momentanea, ma il brand, che promuove l’operazione, rischia di esse confuso con altri o di non essere del tutto ricordato. Così la relazione, se non opportunamente...

I cherry picker sono, nella descrizione corrente, degli umani di età e stato civile multivariato, di condizione economica non troppo prospera, insaziabili lettori di volantini cartacei, mai paghi di confronti anche online per approfittare di sconti e offerte speciali, perlustratori capaci di macinare chilometri e chilometri per trovare il punto di vendita più a buon mercato o anche solo una referenza super scontata. Questa fauna di “raccoglitori di ciliegie” si aggira per tutta Italia, isole...

Esiste ancora la linea di demarcazione, creata per principi contabili, per separare l’investimento dedicato alla pubblicità (above) e quello per le altre discipline di comunicazione (below, come promozioni e loyalty per i consumatori, direct marketing, pubbliche relazioni, sponsorizzazioni, eventi, incentivazioni alla rete di vendita e molto altro). Un principio contabile che serve tutt’oggi alla stragrande maggioranza delle aziende per definire i centri di costo fra area marketing, corporate, commerciale. Se in molte grandi aziende nel...

C’è la stagione delle grandi piogge e quella degli award: l’intensità del fenomeno è identica, così come il periodo. Il campo della comunicazione è uno di quelli a più alta densità di premi nazionali e internazionali, soprattutto di questi ultimi, giacché dal lato dell’agenzia le campagne sono realizzate spesso da multinazionali della comunicazione, dal lato dell’azienda la stessa iniziativa viene estesa all’estero, dal lato dei consumatori, se la intercettano online (normative permettendo) e la campagna...

Parlare di fedeltà alla marca, al punto di vendita o all’azienda significa parlare di comportamenti ripetitivi condizionati da diversi livelli di opportunismo, consapevolezza, riconoscenza, soddisfazione, ma anche mancanza di alternative. Quello che possiamo constatare è un sentimento labile, mutevole, spalmato su una varietà di soggetti che possono essere anche fra loro in competizione. È ancora da considerarsi fedeltà secondo l’etimologia originale e l’etica che ne ha esaltato il lato di virtù, di patto leale e...

Con il termine influencer marketing s’intende l’utilizzo di influenzatori in chiave di marketing (il loro compito è sintetizzato nella sigla Race: reach, act, convert, engage). Con caratteristiche personali (simpatia, credibilità, popolarità ecc.) unite a un livello di competenza (o anche semplicemente di gusto o stile), l’influenzatore cerca d’intrattenere i propri “seguaci”. Lo fa, nella maggior parte dei casi, attraverso un proprio blog, oppure operando all’interno del sito web del cliente e comunque in ambiente online....

Prendo spunto da un articolo a firma di Daniele Tirelli uscito su questa rivista e rilanciato su Linkedin, dove ha acceso un interessante dibattito che invito a seguire. Mi fermo su un aspetto: i consumatori riescono davvero a fare scelte in base a preferenze? Non scomoderò il “libero arbitrio” perché fra gli scaffali del supermercato sta stretto, ma un qualche richiamo alla capacità di esercitare la propria volontà o almeno una certa autonomia di giudizio e...

La formula magica è: beni culturali + beni paesaggistici x giacimenti gastronomici = 20.000 borghi e piccole frazioni che tutto il mondo c’invidia. Un potenziale enorme che potrebbe attrarre importanti flussi turistici, farli permanere e tornare. Un patrimonio nazionale che Cristina Clementi, Massimo Giordani e Paolo Poponessi mettono in luce nel loro libro “L’Italia dei borghi” e a cui offrono una soluzione nel sottotitolo “Strategie di promozione e comunicazione”. Qualche cifra per capire come la...